AL MARE

[Lo leggerai ascoltando "Anime salve"...so che lo farai]   Non posso più scriverti.
E' così.
S'è alzata, tra di noi, una barriera.
E' cresciuta piano, come cresce la marea.
E s'è fatta mare.
Riesco ad immaginarla, ad occhi aperti.
E' acqua densa e squadrata; a tratti è trasparente ed intellegibile; a tratti oscura e minacciosa.
E' un'acqua che dà l'inquietudine...non sapendo che Luna ha determinato l'alta marea.
Comunque c'è e non m'è possibile di ignorarla.
E se avesse una natura salvifica? E se fosse necessaria? In ossequio a tali dubbi...la subisco.
Non oso di affrontarla, non cedo all'egoismo.
Sono seduta in riva, le braccia che circondano le gambe ed i piedi ammollo.
Gli occhi la osservano.
Ti osservo.

Leggi tutto l'articolo