ALLEANZA DELLA SCIENZA CON LA RELIGIONE

ALLEANZA DELLA SCIENZA CON LA RELIGIONE 8.
La scienza e la religione sono le due leve dell’intelligenza um ana; l’una rivela le leggi del mondo materiale e l’altra quelle del mondo morale: ma poiché le une e le altre leggi hanno la stessa origine, che è Dio, non possono contraddirsi.
Se sono l’una la negazione dell’altra, una ha necessariamente torto e l’altra ragione, perché Dio non può voler negare la sua stessa opera.
L’incompatibilità che si è creduto di trovare fra questi due ordini di idee è causata da un difetto di osservazione e da un eccesso di esclusivismo da una parte e dall’altra.
Ne è sorto un conflitto che è all’origine dell’incredulità e dell’intolleranza.
Sono giunti i tempi in cui gli insegnamenti di Cristo debbono avere la loro attuazione, in cui il velo posto volontariamente su alcune parti di questi insegnamenti deve essere sollevato, in cui la scienza, cessando di essere esclusivamente materialista, deve tener conto dell’elemento spirituale, e in cui la religione, cessando di misconoscere le leggi organiche e immutabili della materia, queste due forze, appoggiandosi l’una all’al-tra e camminando di concerto, si daranno un aiuto scambievole.
Allora la religione, non più soggetta alle smentite della scienza, acquisterà una potenza incrollabile, poiché sarà in accordo con la ragione e non sarà più possibile opporle la logica irresistibile dei fatti.
La scienza e la religione non hanno potuto intendersi fra loro fino ad oggi perché ognuna di esse, guardando le cose dal suo esclusivo punto di vista, finisce per far sí che si respingano reciprocamente.
Occorreva che ci fosse qualcosa a colmare il vuoto che le separava, un collegamento che le avvicinasse: questo collegamento si trova nella conoscenza delle leggi che reggono il mondo spirituale ed i suoi rapporti con il mondo corporeo, leggi altrettanto immutabili quanto quelle che regolano il movimento degli astri e l’esistenza degli esseri.
Appena que-sti rapporti sono stati constatati mediante l’esperienza, si è fatta una luce nuova: la fede si è rivolta alla ragione e la ragione non ha trovato nulla di illogico nella fede.
Cosí il materialismo è stato vinto.
Ma in questo campo, come in tutti i campi, c’è gente che resta indietro fino a che non è trascinata dal movimento generale che schiaccia chi, invece di abbandonarvisi, vuol resistergli.
In questo momento si sta effettuando una rivoluzione morale che tormenta gli spiriti: è stata elaborata per più di diciotto secoli, arriva adesso al suo [...]

Leggi tutto l'articolo