ANCHE I NONNI HANNO DIRITTO DI ABBRACCIARE I SUOI AMATI NIPOTI

I nonni hanno diritto ad amare i nipotini I bambini potranno essere persino ospitati in casa dall'anziana parente Giovanni Pastore Una mamma (vedova o separata) non può impedire ai suoi figli non ancora maggiorenni di recarsi a casa della nonna paterna.
È una sentenza destinata a fissare i paletti e a spezzare l'architrave del diritto di famiglia.
Il decreto è stato pronunciato dal Tribunale dei minori di Catanzaro (presidente: Luciano Trovato; relatore: Ippolita Luzzo) dopo una lunga camera di consiglio e restituisce dignità a una nonna di Cosenza, già provata dalla prematura morte del figlio sopravvenuta nel 2009.
E col papà dei bambini deceduto, la nonna s'era visto negato dalla nuora il diritto di incontrare i due piccolini rimasti orfani.
La disgrazia aveva, infatti, dilatato le distanze tra le due famiglie esasperando le tensioni tra nuora e suocera.
E dinanzi all'impenetrabile muraglia eretta dalla nuora, a protezione dei suoi figli, l'anziana donna ha dovuto far ricorso alla carta bollata per mantenere vivo il legame affettivo con i suoi nipotini.
Al caso s'è interessato l'avvocato matrimonialista Simona Carbone.
Il legale, applicandosi ad alcuni articoli del codice civile sul rapporto tra genitori e figli, è riuscito a rompere gli schemi classici della dottrina giuridica e a far riconoscere alla sua assistita il diritto a non dover rinunciare ad amare il sangue del suo sangue.
Eppure, la prima richiesta della nonna era stata bocciata dagli stessi giudici dei minori il 21 aprile dello scorso anno perchè la mamma dei bambinisi era impegnata a consentire ai piccoli di coltivare il rapporto con la nonna secondo liberi accordi.
Tutto risolto? Macchè.
Tra le due donne è rimasto il gelo e i bambini non avrebbero potuto recarsi dalla nonna.
Colpa della mamma che non avrebbe voluto quell'incontro.
Così, la suocera, ancora una volta attraverso il suo legale, ha dovuto fare ricorso all'autorità giudiziaria.
Stavolta con successo.
Il Tribunale, nel suo decreto, rimarca la sussistenza del diritto dei minori di frequentare la nonna paterna e, soprattutto, autorizza l'anziana a trattenere i nipotini a casa sua secondo giorni e orari precisi.
Un parere rivoluzionario nel recinto del diritto familiare in quanto i giudici hanno riconosciuto anche ai nonni una facoltà che, in passato, spettava esclusivamente al coniuge separato che aveva ottenuto il regime di affido condiviso.
   

Leggi tutto l'articolo