Abusivismo in Sicilia e Ds abusivi - em.ma 5 agosto 2003

Sabato 2 agosto il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo di Gian Antonio Stella con questo titolo: «Ville abusive, in Sicilia il condono vale anche per il futuro».
L'abusivismo, giustificato nei primi anni ottanta come «necessità» - frutto velenoso della mancanza di strumenti urbanistici, praticato da emigrati siciliani che avevano fatto qualche soldo all'estero e dai braccianti del ragusano che avevano impiantato le prime serre - è, ora, una pratica speculativa ignobile.
Fu un errore giustificare quella prima sanatoria.
Lucio Libertini la patrocinò con forza e io stesso, direttore dell'Unità, la giustificai.
Il Pci, però, si impegnò a non ripetere.
Poi tutto è precipitato.
Stella racconta la vergogna di licenze date per costruire piccole aziende che diventano ville.
Con la complicità di amministratori, e parlamentari regionali Ds.
L'emendamento, per il «condono al futuro», è di un Ds.
Non ho letto nessuna replica.
Non si dica che Stella calunnia la Sicilia, come l'Economist calunnia l'Italia.
Il Cavaliere non risponde, gridano giustamente i Ds.
E loro? Il degrado della vita pubblica siciliana ha superato ogni limite.
I silenzi sono inammissibili.

Leggi tutto l'articolo