Accademia dell'Aeronautica Militare, la sergente Giulia deuncia: «Botte e frustate, bagno nell'acqua ghiacciata»

Vessata, picchiata e infine isolata dai suoi commilitoni. Aveva deciso di tenere duro, di mantenere il silenzio e non denunciare nulla. Il tutto per cercare di coronare il suo sogno: diventare una pilota delle Frecce Tricolore. Un silenzio rotto solo dalla sua espulsione dall'Accademia dell'Aeronautica Militare, e che ora ha fatto traboccare il vaso della giovane sergente Giulia Jasmine Schiff, che ha deciso di raccontare tutto alle autorità.
Il giovane sergente Schiff ha solo 20 anni, è giovane ed appassionata di atletica leggera ma con il sogno di volare nel cuore. Così lo scorso gennaio la giovane originaria di Mira, in provincia di Venezia, si presenta al concorso per dieci allievi ufficiali di complemento dell'Aeronautica, per cercare di ottenere il brevetto di pilota militare: passa le selezioni brillantemente, 4° su oltre duemila partecipanti, e risulta la prima del corso ai tirocini. Giulia Schiff non vuole essere brava, vuole essere la migliore, e così punta diretta verso l'A...

Leggi tutto l'articolo