Accoglienza interessata della Merkel dei profughi siriani.

Vi ricordate quando Merkel aveva fatto piangere una piccola palestinese in diretta tv, dicendole che in Germania non c'era posto per lei e la sua famiglia? Sembra tutto cambiato nel giro di pochi mesi, visto che il Paese ha sospeso il famoso trattato di Dublino e ha invitato i rifugiati siriani ad arrivare nelle città tedesche.
In più sono pronti ben 6 miliardi di euro a disposizione dell'accoglienza dei richiedenti asilo per il 2016.
Si è addirittura parlato di una modifica della costituzione tedesca per dare modificare, fin nei principi, le leggi in materia di accoglienza.
Ma cosa sta succedendo in Germania? Se quest'estate è iniziata con una Angela Merkel intransigente, inflessibile e più volte additata come crudele nei confronti di una Grecia povera e incapiente, adesso sembra il premier più umanitario dell'Unione.
Ma i motivi non riguardano un'improvvisa illuminazione della leader della Germania.
In questo momento il paese sta affrontando (come molti in Unione europea) una serie di problemi dovuti alla crisi demografica.
In paricolare, proprio come negli anni '50, la Germania oggi ha una popolazione in costante invecchiamento e un bisogno costante di lavoratori giovani e qualificati.
Secondo gli esperti nel 2020 il deficit arriverà a circa 2 milioni di unità.
Come cinquant'anni fa, quando fu incentivata l'immigrazione turca, oggi c'è bisogno di manodopera e i rifugiati potrebbero colmare questa mancanza.
Conclusione:amici la Germania ha giocato sulla pelle dei profughi.Contr'ordine stop ai rifugiati siriani e non perche' ingestibili e poco governabili.

Leggi tutto l'articolo