Accordo sulla formazione dei dirigenti, preposti, lavoratori e lavoratori autonomi

SCARICA ACCORDOL’11 gennaio 2012 sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale i due attesi Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 sulla formazione rispettivamente dei lavoratori (intesi nel loro complesso, cioè comprendenti i lavoratori, i lavoratori autonomi, i preposti e i dirigenti) e dei datori di lavoro che svolgono direttamente le funzioni di RSPP.L’Accordo sulla formazione dei dirigenti, preposti, lavoratori e lavoratori autonomiVa anzitutto sottolineata la premessa iniziale contenuta in tale Accordo con riferimento ai corsi destinati ai dirigenti e ai preposti, che precisa che “l’applicazione dei contenuti del presente accordo nei riguardi dei dirigenti e dei preposti, per quanto facoltativa, costituisce corretta applicazione dell’articolo 37 comma 7 del D.Lgs.
n.
81/08.
Nel caso venga posto in essere un percorso formativo di contenuto differente, il datore di lavoro dovrà dimostrare che tale percorso ha fornito a dirigenti e/o preposti una formazione “adeguata e specifica”.Si precisa inoltre che la formazione disciplinata dall’Accordo, che può avvenire sia in aula che sul luogo di lavoro, non è quella prevista dai titoli II e seguenti del Testo Unico (la formazione sui rischi specifici) e non comprende l’addestramento.
Tali attività andranno quindi ad aggiungersi alla formazione prevista dal Titolo I del D.Lgs.
81/08 che verrà erogata in azienda sulla base di questo Accordo.E’ consentito l’uso di piattaforme e-Learning - se ricorrono le condizioni previste da un Allegato specifico (All.
I) - per la formazione generale per i lavoratori, la formazione dei dirigenti, i corsi di aggiornamento, una parte dei contenuti dei corsi per i preposti ed eventuali progetti formativi sperimentali che venissero individuati dalle Regioni e Province Autonome.I docenti possono essere interni o esterni all’azienda e devono poter dimostrare di possedere esperienza almeno triennale di insegnamento o professionale in materia di SSL, esperienza che può consistere anche nello svolgimento per un triennio dei compiti di RSPP, anche in via di svolgimento diretto da parte del DL.Le modalità con cui la formazione deve essere organizzata sono rigorosamente disciplinate (v.
punto 2 dell’Accordo); qui ci si limita a ricordare che ad ogni corso non possono partecipare più di 35 persone e che è previsto l’obbligo di frequenza del 90% delle ore di formazione.La metodologia di insegnamento/apprendimento deve privilegiare un approccio interattivo che ponga al centro il lavoratore.La formazione diretta ai [...]

Leggi tutto l'articolo