Ad un'altra vita

Questo era un pezzo preso dal backup del mio vecchio blog su blogger.
Sono passati oramai tre e anni e tre giorni dalla sua chiusura.
Metterlo qui adesso mi sembrerebbe un addio.
Sono solito dare l'ultimo commiato al mio pubblico.
Ma dopo qualche giorno torno di sicuro.
La penultima volta non è stata così.
Poi ho vandalizzato lo spazio di sites per creare la mia inutile pagina web.
Alla fine devo sempre e solo dimostrare che sono scemo.
  Mentre mi addormento i miei pensieri si aggrovigliano cercando di dare senso al caos di questo sito, magari scrivendo qualcosa di culturale e stimolante da leggere.
Nulla.
La mia mente , infatti, risulta pervasa dalla mia  e la vostra emanazione esoterica del nulla, che ci circonda, se fate caso a quello che sto scrivendo.
Meglio allora essere truzzi e stonarsi di musica house direte voi.
Invece io preferisco del metal, con ghiaccio, grazie.
Quando ero un sedicenne metallico e metallaro questo genere musicale non era mainstream ma ora ti ritrovi dovunque gente vestita con le magliette degli Anthrax e che incitano lui, il sommo Grishnàck (Varg Vikernes), chiamato Burzum, intento a bruciare il mondo che vanno in discoteca.
Prima essere atei era una scelta da sfigati,” O mio Dio non esisti perché mi hai lasciato solo contro i bulli del quartiere?”.
Ora questa moda è mainstream e “Perché ho visto Neon Genesis Evangelion ed una patologia borderline come quella non può esistere se non in un mondo senza Dio”. "Dormi amico e scoprirai che quel tuo sogno è la mia realtà disegnata da Hideaki Anno." Oppure perché la Chiesa non fa fare i matrimoni omosessuali.
Chi se ne frega,tanto io sono etero, tautologia daom dimostrare con la logica che fu di Aristotele e di Platone.
E non adotterò figli, casomai li caccerò dal profondo del mio sperma che si incontra con ovuli di una donna sconosciuta che gira per casa.
Il tutto poi viene flaggato “boot” per cominciare una forse nuova, o forse vecchia vita, in questo pianeta privo di gente con i neuroni, che vanno a spasso per l’etere.
Il flood dei miei pensieri continua a fluire ininterottamente cercando di scrivere cose sensate sulla tastiera, cose che nessuno mai vedrà perché questo blog è il mio segreto da portare nella tomba.
E nella dimenticanza del mondo tenkai che esiste rovescio, perché quando nell’estasi ti crogioli, nel fuoco prima cadrai,e da quel mondo non potrai tornare integro perché le fiamme ti segnano per sempre.
A volte il flood delle parole incrocia la sessione di chat di Facebook che ho aperto e qui [...]

Leggi tutto l'articolo