Addio a quei giorni di lotta contro il destino

Il vangelo di oggi-Addio a quei giorni di lotta contro il destino

Un villaggio agricolo alle spalle, i miei genitori sfiniti per il loro lavoro, una vita di ristrettezze economiche… questi ricordi cupi, marchiati a fuoco nella mia giovane mente, furono la mia prima impressione di “destino”. Dopo aver iniziato a frequentare la scuola, la prima volta che sentii il mio professore dire “Il tuo destino è nelle tue mani”, impressi queste parole nella mia mente. Credevo che, sebbene non potessi cambiare il fatto di essere nata in povertà, potevo ancora cambiare il mio destino attraverso il duro lavoro. Di conseguenza, impiegai tutta la mia forza per lottare contro il mio “destino” e guadagnarmi una fetta di paradiso da considerare mia.
Un impedimento nei miei studi
Proprio come generazioni e generazioni di studenti, la mia determinazione a studiare e ad andare all’università fu il primo passo per cambiare il mio destino. A questo scopo, studiai duramente. Durante le lezioni, ascoltavo atte...

Leggi tutto l'articolo