Addio ad Andrea Camilleri, scrittore popolare, intellettuale civile, comunista italiano da pci

Da Redazione PCI - 17 Luglio 2019 di Alex Höbel, segreteria nazionale Pci Con Andrea Camilleri scompare uno degli ultimi scrittori autenticamente popolari, un autore che è stato al tempo stesso uno scrittore civile, un intellettuale generosamente e tenacemente impegnato nello sconfortante scenario politico dell’Italia attuale.Camilleri è stato comunista fin da ragazzo, allorché la vicinanza istintiva alle classi subalterne, la lettura di testi come La condizione umana di André Malraux e la raggiunta consapevolezza del progetto nazifascista lo indussero a prendere le distanze dalla cultura del regime, e a passare dalla parte dei suoi antagonisti più radicali; diventò quindi un comunista italiano, il che, osservò nel 2017, “significa molte cose”[1].
Iscrittosi al partito all’indomani della liberazione della Sicilia, da allora in avanti rimase “sempre con il Pci, ora da iscritto ora da compagno di strada ora da simpatizzante”[2].
Non a caso i suoi primi racconti furono pubblicati da testa...

Leggi tutto l'articolo