Addio piccolo angelo

Melissa Bassi, la ragazza uccisa a Brindisi  Articoli correlati L'attentato di Brindisi, Giulia: "Sono viva per mi...
Brindisi, attentato davanti alla scuola "Morvillo ...
Attentato Brindisi, "gesto isolato" Procuratore: "...
Sul web rabbia e sconcerto del popolo della Rete.
...
Dolore in casa Bassi: i parenti scelgono il vestit...
"Addio piccolo angelo volato in cielo": dolore, sdegno e rabbia in Rete per la morte di Melissa   Tweet   Commenta Ha i capelli lunghi sottili, rossi, fermati da una frontierina chiara e guarda l'obiettivo sorridendo, con gli occhi nocciola che luccicano: la foto su facebook di Melissa Bassi, 16 anni, racconta la sua gioventù spensierata, piena di progetti nati in un piccolo paesino nel brindisino, Mesagne.
E' morta oggi nel pronto soccorso dell'ospedale 'Perrino' di Brindisi, alle 9.30: un'ora e quaranta di agonia dopo essere stata stravolta dall'esplosione avvenuta intorno alle 7.45 davanti alla scuola che frequentava, l'Istituto professionale 'Morvillo Falcone', in viale Aldo Moro, angolo via Galanti.
Era lì insieme con la sua amica del cuore, Selena, di 16 anni, ricoverata nell'ospedale di Brindisi in prognosi riservata ma non in gravi condizioni: ancora non sa che Melissa è morta.
"Glielo diremo con calma, con l'aiuto degli psicologi", dice la mamma di Selena, mentre attende i medici sull'uscio della stanza dell'ospedale.
Con Melissa e Selena, c'erano anche altre ragazze, pronte per entrare in classe, la seconda A.
Si era fermata a parlare pure Veronica Capodieci, 15 anni, di Mesagne.
Era insieme alla sorella Vanessa, di 19.
Melissa era figlia unica di un operaio, un piastrellista, e di una casalinga.
Una figlia a lungo desiderata, arrivata dopo tante cure e tentativi, una figlia amata come non mai, coccolata: la principessa di casa, che con quel sorriso dolce riusciva ad ottenere tutto quello che desiderava, come il pc portatile per chattare con le amiche, che si trova sul tavolino della sua stanza piena di cassettini bianchi con i suoi oggetti più cari.
Sul suo letto un pigiama blu buttato lì stamani prima di uscire da casa e un orsacchiotto bianco di peluche, 'vegliato' da un quadretto che raffigura un angelo, affisso sulla parte.
E' la stanza di una bambina che si sta trasformando in una bella ragazza con un grande sogno del cassetto: diventare un'assistente sociale.
E' morta Melissa, una ragazza "normale", piena di vita, come raccontano le professoresse sotto choc.
La sua morte sconcerta, ferisce, fa tremare come pulcini gli studenti che davanti all'ospedale di Brindisi arrivano [...]

Leggi tutto l'articolo