Adriano Sofri, La ragazzina imbottita di esplosivo

dalla PICCOLA POSTA ,26 agosto 2008 ( IL FOGLIO) Festeggio con tutto il cuore la ragazzina imbottita di esplosivo che a Baquba ha trovato il modo di attirare su di sè l'attenzione della polizia, rifiutandosi così in extremis all'attentato suicida cui era stata condotta da sua madre.Quella benedetta ragazzina, bella da vedere mentre scherzava coi militari con una faccia timida da liberata, ha salvato se stessa, qualche decina di persone ignare, e sua madre che non glielo perdonerà mai.Non le perdonerà mai di doverle la vita, dopo avergliela data,e averne progettato una così redditizia conclusione.
Sua madre appartiene tristemente alla più orrenda mutazione della specie umana: la figlia mostra che c'è una possibilità di ritorno dalla pazzia.
Se l'attentato fosse riuscito- come altri ieri a Bagdad, come gli ormai innumerati che insanguinano ogni giorno il mondo, sempre più vasti e tronfi- avrebbe preso un trafiletto nelle pagine interne.Prenda, se la storia è andata così, il più onorato e affettuoso degli spazi.

Leggi tutto l'articolo