Airola (Bn). Giubileo sacerdotale di padre Faustino D'Uva, passionista

Airola (Bn).
Padre Faustino D'Uva, 65 anni di sacerdozio e 72 di vita religiosa   di Antonio Rungi   E' sicuramente una delle tappe più importanti e rilevanti per ogni sacerdote: il giubileo dei 65 anni di fedeltà a tale vocazione.
A questa tappa ci è arrivato lo scorso 2 maggio 2013, padre Faustino dell'Angelo Custode (al secolo Angelo D'Uva), che ha ricordato i suoi 65 anni di vita sacerdotale.
A festeggiare l'anziano religioso, nato a Santa Croce del Sannio (Bn), nell'Arcidiocesi di Benevento, il 2 dicembre 1924, saranno, sabato prossimo, durante la festa di Santa Maria Goretti, che è molto venerata nella Valle Caudina, tutti i confratelli passionisti di Airola (Bn), dove il religioso vive dal circa 25 anni e della provincia religiosa dell’Addolorata (Basso Lazio e Campania).
Una solenne concelebrazione, presieduta dallo stesso sacerdote si terrà nella Chiesa monumentale dei Passionisti di Airola, alle ore 20.00 e a seguire un momento di fraternità tra tutti i partecipanti al rito religioso di ringraziamento al Signore.
Per la fausta ed eccezionale ricorrenza saranno presenti autorità religiose e civili del territorio, essendo il religioso molto conosciuto ed apprezzato per le sue doti umane, per la sua affabilità ed ilarità e per la sua riservatezza.
Padre Fausto D'Uva entra trai i passionisti piccolissimo, chiamato alla vita consacrata da San Paolo della Croce, al quale è profondamente legato da una spiritualità intensa.
Professa i consigli evangelici, per la prima volta, a Pontecorvo (Fr) il 16 dicembre 1941, compiendo così, quest'anno 72 anni di vita consacrata.
Dopo gli studi teologici, durante un periodo difficile, come quello della seconda guerra mondiale, fu ordinato sacerdote ad Anagni (Fr) il 2 maggio 1948.
Appena sacerdote fu impegnato nella formazione, nella predicazione e successivamente in vari uffici.
E' stato lui a curare per oltre 30 anni la pubblicazione, da Calvi Risorta (Ce), della celebre rivista dei passionisti del Sud Italia "L'Araldo del Crocifisso", impegnando le sue migliori energie spirituali, umane ed intellettuali per la pubblicazione mensile di questo organo di informazione, che manteneva i contatti con le popolazione evangelizzate, nell'immediato dopo-guerra.
Poi i vari uffici, tra cui quello di consultore provinciale, di vicario, di cappellano.
Persona di vasta cultura, dalla battuta facile, padre Faustino in tutte le comunità passioniste in cui è stato ha lasciato un ottimo ricordo di se.
Le sue catechesi dalla profondità teologica e dal senso pastorale sono ben note a [...]

Leggi tutto l'articolo