Al Bif&st 2015 il Festival Fritz Lang: Tutti i titoli in programma

A quasi quarant’anni dalla scomparsa di Fritz Lang (avvenuta il 2 Agosto 1976, nella foto), il Bif&st 2015 dedica una retrospettiva dei suoi film europei e americani: si terrà al Multicinema Galleria di Bari dal 21 al 28 marzo del prossimo anno.
Felice Laudadio ricorda: “Ha attraversato il melodramma, le avventure da feuilleton, la storia edificante, la leggenda, la fantascienza, lo spionaggio, il poliziesco talvolta psicoanalitico, la commedia musicale e non, la testimonianza sociale, il western, il film resistenziale o di guerra.” È in corso il reperimento di materiali documentari - parte dei quali provenienti da Rai Teche - a cura di Francesca Maria Cadin, Orsetta Gregoretti, Patrizia Prosperi.
Il Festival è composto complessivamente da 48 film, tra quelli diretti da Lang (dal 1919 al 1960 il regista ha girato 15 film muti e 27 sonori) e quelli ispirati a/da Metropolis, cui si aggiungeranno i materiali documentari.
Curato da Laudadio e dal regista, critico e storico del cinema Carlo di Carlo e realizzato con la collaborazione della Cineteca di Bologna e della Cineteca Nazionale, oltre che delle Teche Rai.
Il Bif&st presenterà tutti i film diretti da Lang, ad eccezione dei primi due girati nel 1919: Halbblut (Mezzosangue) e Der Herr der Liebe (Il signore dell’amore), andati  perduti, del modesto American Guerrilla in the Philippines (I guerriglieri delle Filippine, 1950) e del film Journey to the Lost City (Viaggio nella città perduta, 1960) rimontato dai produttori fondendo insieme in un unico film Der Tiger von Eschnapur (La tigre di Eschnapur, 1959) e Das Indische Grabmal (Il sepolcro indiano, 1959).
Non sono inclusi Confirm or Deny (Conferma o nega, 1941) e Moontide (Ondata d'amore, 1942) impropriamente attribuiti a Lang, giacché da lui solo avviati ma poi diretti da Archie Mayo.
  Fritz Lang Autore.
Questi i film in programma: Die Spinnen, 1.
Teil: Der Goldene See (I ragni: Il lago dorato; I Parte), 1919, 137’.
Harakiri (o Madama Butterfly), 1919, 60’.
Die Spinnen, 2.
Teil: Das Brillantenschiff (I ragni: La nave dei diamanti; II Parte), 1920, 69’.
Das wandernde Bild (L’immagine vagabonda), 1920, 75’.
Der Müde Tod (Destino), 1921, 100’.
Vier um die Frau (Quattro intorno a una donna), 1921, 63’.
Dr.
Mabuse, der Spieler.
Erster Teil: Der große Spieler.
Ein Bild der Zeit (Dr.
Mabuse, il giocatore.
Parte I: Il grande giocatore.
Un quadro dell'epoca).
Dr.
Mabuse, der Spieler.
Zweiter Teil: Inferno.
Ein Spiel von Menschen unserer Zeit (Dr.
Mabuse, il giocatore.
Parte II: Inferno.
Un dramma di [...]

Leggi tutto l'articolo