Albert e Victoria

          La Regina Vittoria (1819-1901), nata Alexandrina Victoria, fu sovrana di Regno Unito, Gran Bretagna e Irlanda dal 20 giugno 1837 e Imperatrice d'India (la prima a fregiarsi di tale titolo) dal 1876 fino alla sua morte.
          Il suo Regno è durato 63 anni, 7 mesi e 2 giorni, il più lungo per una Regina, fino al neo conquistato primato della sua celebre e longeva discendente, la Regina Elisabetta II.
In ogni caso il suo lungo regno è e sarà sempre ricordato come "Epoca Vittoriana", epoca caratterizzata da una grande espansione dell'impero e forti cambiamenti sociali.
Vittoria fu inoltre l'ultima sovrana appartenente al casato di Hannover in quanto il suo successore, il figlio Edoardo VII era un Sassonia-Coburgo-Gota.
Ma facciamo un passo indietro.
Chi era Vittoria? Qual è la sua storia? Vittoria era figlia del Principe Edoardo Augusto, Duca di Kent e Strathearn (quarto figlio di Re Giorgio III) che non si sposò se non in tarda età con la Principessa Vittoria di Sassonia Coburgo Saalfeld, vedova del Principe di Leiningen, con la quale ebbe una sola figlia, Vittoria, che nacque a Kensington Palace.
Suo zio, il futuro Re Giorgio IV, si sposò ma ebbe solo una figlia che morì nel 1817 e Vittoria alla nascita era quinta in linea di successione al trono, dopo il padre e i suoi tre zii, il Principe Reggente, il Duca di York e il Duca di Clarence, nessuno dei quali ebbe figli.
Il padre di Vittoria morì 8 mesi dopo la sua nascita, il nonno Giorgio III morì una settimana dopo, così lo zio, il Principe di Galles salì al trono con il nome di Giorgio IV ma morì quando la Principessa aveva appena 11 anni, lasciando il trono all'altro zio, il Duca di Clarence il quale salì al trono come Guglielmo IV.
Quest'ultimo era senza figli, dunque Vittoria divenne automaticamente erede al trono.
Inizialmente, nonostante occupasse una posizione molto alta nella linea di successione al trono, le venne insegnato solamente il tedesco, tuttavia, all’età di tre anni venne introdotta anche alla lingua inglese e successivamente imparò anche l’italiano, il francese, il latino e il greco.
La sua giovinezza poi, nonosnate il ruolo di spicco che ricopriova, fu per sua stessa definizione alquanto malinconica e solitaria in quanto la madre, donna molto protettiva, la teneva isolata dagli altri coetanei all’interno di Kensington Palace e rari erano anche i rapporti con la corte di Londra dal momento che la madre della Principessa era in contrasto con Re Guglielmo e desiderava inoltre  preservarla da ogni rapporto [...]

Leggi tutto l'articolo