Alessandro Manzoni - opera omnia - prosa - commento - parafrasi marzo 1821 - letteratura italiana

    Soffermandosi sulla sponda arida, rivolto lo sguardo al Ticino appena attraversato, pensando intensamente a ciò a cui stavano andando incontro, rassicurati nel cuore dall'antico valore , hanno giurato: che non accada mai più che questo fiume segni il confine tra due rive straniere: non ci sian più barriere all'interno dell'Italia!
    Lo hanno giurato: altri valorosi hanno risposto a quel giuramento provenienti da altre parti d'Italia, affilando di nascosto le spade che ora levano alla luce del sole. Si sono già stretti le mani e hanno pronunciato il giuramento: insieme moriremo, o insieme vinceremo.
    Solo chi fosse in grado di dividere le acque della Dora Baltea, della Dora Riparia, del Tanaro e il suo affluente Bormida, del Ticino, dell'Orba le cui sponde sono ricche di vegetazione, quando si confondono confluendo nel Po; chi riuscirà a distinguere le rapide correnti del Mella e dell'Oglio quando al Po si mischiano e così i molti torrenti che già confluisco...

Leggi tutto l'articolo