Alla faccia della primavera

Parte bene questa primavera! Piove da ieri pomeriggio ed ovviamente imperversa il grigiume.
Non è un toccasana per l'umore questo tempo...
ma me ne farò una ragione.
Stanotte è stata agitata, non ho dormito benissimo ma in compenso ho sognato mia mamma che mi abbracciava.
Le dicevo di non lasciarmi e lei mi rispondeva: "Non ti preoccupare! Non te la leva nessuno la mamma!" Ma quando mi sveglio la realtà è ben altra.
Però, in questi sogni di solito ho la consapevolezza che non c'è più e infatti rimango sorpresa e penso: ma allora sei viva mamma! era solo un incubo la tua morte.
Purtroppo non era solo un incubo ma è tutto vero.
In questi giorni cerco di stare vicina ad un'amica che è stata lasciata dal fidanzato dopo 8 anni di storia di cui qualcuno di convivenza.
Certe cose sono come un lutto nel cuore.
Ci sentiamo spessissimo e cerco anche di vederla  perché avere compagnia aiuta a non rimanere coi propri pensieri troppo a lungo.
Anche se ovviamente parliamo quasi esclusivamente della sua situazione, sviscerare il tutto con un'amica è diverso dal farsi mille seghe mentali da sola anche se è comunque poco costruttivo arrovellarsi per giorni  e giorni sui soliti discorsi e pensieri.
D'altro canto, è inevitabile essendo successo da pochissimo.
Quando mi metto nei suoi panni mi sento morire.
So che sta provando un dolore grandissimo ma oltre alla comprensione cerco di darle uno spiraglio di speranza.
Speranza verso il futuro senza quello che credeva l'uomo della sua vita.
Prima o poi arriverà davvero la primavera...per tutte noi.
   

Leggi tutto l'articolo