Alla fine quello che conta è imparare..

   Solo che alla fine ho imparato e non so dirti se sia giusto o meno, se fosse troppo tardi o troppo presto.
Non mi sono più tenuta i passi falsi ed i dubbi, ho lasciato stare le persone in forse, quelle che hanno la scusa sempre pronta ed il cuore che batte in maniera lenta, non fanno per me.
E non è per cattiveria, solo che io non sono una persona che va a ritroso, non ci ripenso, non riguardo, non torno indietro.Ho sempre fatto tutto di getto, forse sbagliando, ma è stato così che ho iniziato a sentirmi viva.
Non ho mai riletto i miei temi, a scuola, non mi sono mai chiesta se un pianto fosse uno sfogo od un pretesto, abbracciavo e basta.
Perché qualunque sia il motivo, penso che chi pianga, abbia solo bisogno di sentirsi stretto per un po’.
E così facendo mi sono presa di quelle fregature che, giuro, la metà sarebbe bastata.Metaforici pugni in pancia che han fatto più male di qualunque pugno vero, però mi sono rialzata sempre, anche quando pensavo “stavolta proprio non ce la facci...

Leggi tutto l'articolo