Alla galleria d’arte Katàne, pomeriggio letterario a Catania in compagnia di Giorgio Càsole

CATANIA -  Ancora una volta, dopo l’appuntamento del 16 aprile 2015, il prof.
Giorgio Càsole ha omaggiato il pubblico presente alla Galleria d'Arte “Katàne”, cimentandosi nella lettura e nel commento di componimenti letterari, riuscendo a coinvolgere tutti in uno scambio di opinioni e riflessioni sui temi trattati: “Amore” e “Morte”.
Questi temi, da sempre presenti in letteratura, sono quanto mai attuali: sempre più spesso accadono fatti di cronaca nei quali un eccesso di amore, alcune volte divenuto malato e violento, può condurre alla morte per mano di chi diceva di amare.
 La “Morte”, che rende tutti uguali indipendentemente da cosa si sia stati o fatto in vita, è stata affrontata per prima, interpretando la celebre poesia “ 'A livella ” scritta in napoletano vernacolare dall'attore Antonio de Curtis (in arte Totò), alla quale è seguito un interessante parallelismo con la società illuminista narrata da Parini nella sua opera “ Dialogo sopra la nobiltà ”.
L’altro tema protagonista del pomeriggio, come detto, è stato l' “Amore”, con i famosi versi del “ Carme V ” di Catullo dedicati alla passione amorosa verso la sua Lesbia e all'invidia che questa può suscitare sui maligni, riflettendo anche sulla fugacità della vita, cui viene contrapposta l'eternità della morte vista come “una  notte eterna  da dormire” .
Sempre di Catullo è stato interpretato anche il componimento “ Povero Catullo ”, simbolo dell’amore sofferto vissuto dallo stesso autore.
Il prof.
Càsole ha poi magistralmente interpretato, grazie alle sue capacità di attore, “ L’orazione funebre di Marco Aurelio ” al popolo romano sulla morte di Giulio Cesare, tratto dalla tragedia shakespeariana “ Giulio Cesare ”, soffermandosi sulla spregevole personalità di Bruto, definito ironicamente “Uomo d’onore”, indegno figlio adottivo, che sferrò il colpo mortalpe sul corpo del grande Cesare.
 Alcune riflessioni di carattere attuale, circa la situazione di tensione che tutto il mondo sta vivendo a causa del terrorismo e della minaccia portata avanti dall’ISIS, hanno fornito a Càsole lo spunto per emozionare il pubblico con la sua poesia dedicata alla strage americana dell'11 settembre 2001, poesia nella quale egli riesce a cogliere, e far vivere a chi l’ascolta, quel momento di dolore che, d'improvviso, avvolse i cittadini di Manhattan e il mondo intero e che ancora oggi è impossibile dimenticare.
Sempre in ricordo dei grandi orrori vissuti dall’umanità durante la sua storia, è [...]

Leggi tutto l'articolo