Altri furti, paura alle stelle

ODERZO Domenica 18 Ottobre 2009, Ed: TREVISO Pagina: 30 Cresce la paura di subire furti da parte dei cittadini di Oderzo e dei paesi vicini Altri furti, paura alle stelle Molte famiglie hanno ricevuto la visita dei ladri e chiedono protezione Annalisa Fregonese Il territorio sta conoscendo una recrudescenza della criminalità spicciola.
Venerdì sera, a Rustignè, durante la riunione della popolazione con il sindaco, una residente ha lamentato ben tre furti nella scorsa settimana, domandando una maggiore presenza delle Forze dell'Ordine nella frazione.
Mentre, sempre nei giorni scorsi, una raffica di furti ha colpito l'opitergino e il mottense.
In via Comunale a Faè bottino di 8mila euro; colpo pure in via Maggiore di Piavon.
Ai Carabinieri di Ponte di Piave è stato denunciato un altro furto, commesso ai danni di un'abitazione in via della Repubblica.
I ladri hanno arraffato circa duemila euro in contanti, una videocamera e gioielli in oro.
I malviventi hanno colpito anche a Cessalto.
Quasi ovunque è stata adottata la medesima tecnica: un foro sul vetro di una finestra facendo poi calare un filo con il quale aprirla senza far rumore.
A Rustignè la giovane donna che è intervenuta alla riunione ha chiesto al sindaco di farsi portavoce presso le Forze dell'Ordine affinchè sorveglino con maggiore frequenza la zona.
La giovane mamma ha precisato di aver scelto questa frazione perchè tranquilla e serena.
Nel contempo ha mostrato il proprio timore che da tranquilla la zona si trasformi in poco sicura.
Ieri mattina durante un normale controllo una pattuglia dei Carabinieri ha rinvenuto diversa refurtiva abbandonata - a quanto pare denaro ed oggetti preziosi - proprio dietro al cimitero di San Giovanni a Motta di Livenza.     Le persone sono preoccupate, non c'è dubbio.
Questo stato d'animo perdura da tempo, se è vero che un paio di autunni or sono la Lega Nord a Oderzo promosse una raccolta di firme chiedendo un aumento degli stanziamenti di bilancio a favore della sicurezza.
«All'epoca - rammenta il segretario Policarpo Pezzutto - in sole due settimane raccogliemmo 3500 firme.
Firmarono persone che in Oderzo vivono o lavorano.
La nostra proposta era di potenziare il servizio di vigilanza privata oltre ad insistere per ottenere un Comando Compagnia dei Carabinieri da alloggiare nella ex caserma Zanusso che è stata sdemanializzata.
Ma non se n'è fatto nulla, il sindaco ci ha risposto che 3500 firme erano poche...».
Per contro, secondo i dati portati dal primo cittadino di Oderzo, Pietro Dalla Libera, agli incontri [...]

Leggi tutto l'articolo