Ambient Poetry .. il temporale sull'oceano .. Dj

  "la finestra sull'oceano"   da una finestra che spalanca l'infinito ...
  Convulso il sole quando bussa ignaro colmattino I pensieri portano via poesiad'un brivido assassino Confusione delle immagini con mani unite fremono S'accavallano davanti agli occhi immensi dell' oceano     E mi dicesti siamo liberi ma con piombonelle ali L'amore ci guarda e trafigge regala unmazzo di strali Come é andata la tua giornata? Dove dormonoi sogni ? Quando cresceranno  piante da semplici umidi germogli ?   Eh si , s'esauriscono i pennelli se il cuore non piange più Non più una chiazza di colore su nel cielo che fu blu Faccia che non riconosco sfocata bacia avuoto sul letto Anche l'ombra nell'angolo d'un ricordo sai cambia aspetto   E mi dicesti siamo liberi ma concontorsionismo Il liricismo coi corpi parla monotono d'erotismo Un pagliativo alla brezza che fora il polmone All'alito che annebbia lo sguardo senza più ragione     Brava a parlare con l'illusione quando solo lei ti sente A raccontargli d'una vita intera per far finta di niente Cercasti il sentiero che riporta dal passato a sorridere Mentre le foglie morte sono più vere di noi a vivere   Stelle già morte che agli occhi stolti ancora brillano Queste eravamo mentre le voglie tra i secondi oscillano Vedemmo la traccia di questo amore a sprazzi rifiorire Svilliti ci aggrappammo all'ultimo seme per non morire   Mi chiedesti chi fu quella notte che bussò alla porta ? Se parole in una assenza fanno sbocciare una passione morta Dubitasti dell'ossessione che ci coglie mentre il cuore langue Del tutto che si confonde come tracce di gesso nel sangue   Accorgersi che s'impara sempre quando tutto é perso che l'inverno dopo la primavera non é sempre diverso vedere il gesto inutile perso dietro al tempo che mente sentire un ultima  preghiera rivolta ad un Dio inesistente   Ti risposi che la paura allaccia stringhe nel vuoto Che solo il rancore consola ricordi spesinel fuoco Rammenti la voce che s'attenua mentre le parole son vive ? L'urlo che rideva incerto con noi su una corona di spine ?     Eccoti qua su questo balcone davanti alla mossa pianura A parlare con l'arsura dell'anima confusa dall'altura Si può imprecare soli al vento quando nessuno ci sente Sillaba nella finestra sull'oceano persa controcorrente Dj Pohnzi  

Leggi tutto l'articolo