Amici in casa nostra

  I numeri dicono che l'Italia ha il primato europeo per gli animali da compagnia: ben sei famiglie su 10 ne tengono uno in casa; sono oltre 14 milioni fra gatti, cani, uccelli, roditori, rettili, pesci e anfibi da acquario.
Nel Bel paese l'amore per gli animali é confermato anche dal fatto che: * vi operano oltre 26 mila veterinari; * ci sono 6.500 strutture dedicate alle cure dei  nostri piccoli amici.
 Inoltre, grazie a questo e  ai nuovi farmaci, sempre più efficaci, l'aspettativa di vita degli animali è raddoppiata.
All'inizio degli anni '80  un cane di sette anni era già considerato vecchio.
Oggi, per Fido, la vita media è di 14-16 anni, il doppio rispetto a prima.
Il futuro riserva ulteriori possibilità per il loro benessere e la loro salute: presumibilmente entro il 2009, sarà disponibile un vaccino contro la leishmaniosi, patologia veicolata dalle zanzare e molto pericolosa.
Inoltre, le aziende si stanno impegnando nella ricerca di medicinali dedicati alla vecchiaia di cani e gatti, studiando prodotti mirati all'area cardiovascolare e reumatologica.
Insomma, cani e gatti  potranno contare su farmaci simili a quelli dei loro padroni; il futuro è sempre più incentrato sulla profilassi che sulla terapia.
Grazie a questi interventi, molte patologie gravi, quali il cimurro, son quasi scomparse.
Unico "difetto" dei prodotti farmaceutici destinati agli animali è il prezzo.  Non essendo prodotti rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale, gravano interamente sugli "assistiti".
Le aziende cercano comunque di contenerli, considerando sempre il rapporto costo-beneficio di un prodotto.
Da qualche tempo sono anche disponibili versioni generiche dei farmaci,  che abbattono ancora di più la spesa da sostenere.
Per garantire la qualità dei prodotti e assicurare l'etica della produzione, è stato rinnovato il Codice deontologico Aisa.
Obiettivi fondamentali: tutelare il benessere animale, fissare il rispetto dell'equilibrio ambientale, la sicurezza alimentare dei consumatori e la correttezza di commercializzazione e distribuzione.
Adnkronos Salute

Leggi tutto l'articolo