Ancora Napoli...

E tra le nuvole il sole con la sua forza maestosa, come se fossero tende spalancate dalla sua potenza, quasi il respiro di un leone.
Bellissimo, da far tremare i polsi, riempie il mare di scie e la sua luce è una carezza, appena prima di precipitare nel buio della notte - ma sì -  di una notte  qualsiasi.
Sentivo quel contatto lieve, ma sincero, ed i miei passi intrecciarsi con l'odore di salsedine e poi qualche brivido sulla schiena, a tintinnare sulle vertebre.
Ed è così strano, ma bellissimo, accorgermi come questa città sappia accogliermi e raccogliermi ogni volta, ed ancora; diversa, quasi nuova, con un graffio in più e qualche sogno masticato, ma ancora capace di sognare.
Ho imparato a centellinare il tempo ed adesso più che mai lo tengo stretto e cerco di ritrovarci tutta la bellezza che posso.
In fondo dietro di noi lasciamo negli altri il senso più puro del bene, di quel bene che abbiamo saputo provare, e che ci ha impregnato il sangue, più feroce di un fiume, quando è in pien...

Leggi tutto l'articolo