Andrea Scanzi E' incredibile lo stato confusionale del PD

Andrea Scanzi E' incredibile lo stato confusionale, e dunque caricaturale, del Pd.
Civati vota la fiducia, però è contrario e nel frattempo (lo dice pubblicamente) opererà per una fronda interna che coinvolga anche Sel e dissidenti 5 Stelle.
Fassina è contrario, però vota sì anche se "non riscontro novità".
Al Senato le facce dei Mineo, Casson, Tocci e Ricchiuti durante le tapioche di Renzi denotavano una tristezza siderale, però anche loro voteranno sì.
Perché? a) "Perché altrimenti ci cacciano" (alla faccia dell'art.
67 della Costituzione, quello che Grillo sbaglia a voler cancellare, ma anche quello che il Pd dimostra di non rispettare, con buona pace della millantata "democrazia interna").
b) "Perché le poltrone son comode.
c) "Perché fuori dal Pd non ci vota neanche il gatto" (tranne rari casi).
d) "Perché stiamo qua ai bordi del fiume ad aspettare che la corrente porti il fallimento politici dei nemici-amici al Governo".  Siamo oltre la psicanalisi, e la cosa mette non poca tristezza.
Un po' per pavidità e un po' per il sogno di rosolare lentanente Renzi, il Pd per ora finge coesione.
Nel frattempo, al Senato, i renziani erano certi di prendere tra i 172 e i 176 voti.
Ne hanno presi 169, cinque in meno del Letta senza Berlusconi (quello che doveva durare e "stare sereno").
Il significato politico è chiaro: basta una sciatalgia della Finocchiaro o un herpes di un Popolare e il Governicchio Antani cade.
Con questi numeri non solo non è ipotizzabile fare "scelte radicali" (ennesima bomba del Bomba), ma forse non sarà nemmeno possibile realizzare l'unico grande sogno vero dell'esecutivo Napolitano III: tirare a campare.  (Vamos).

Leggi tutto l'articolo