Anteprima mercati – Iniziata fase di riaccumulazione

Nasdaq C.
Seduta lievemente positiva per il Nasdaq C., che chiude a 2424 (+0,06%) Da inizio anno, fallito il test di 2725, l'indice inverte tendenza e scende in accelerazione verso i minimi di metà agosto 2007 a 2385, la cui rottura spinge le quotazioni, in un vero e proprio panic-selling, a testare per due volte consecutive il supporto critico in area 2200/20 (min 2202,54 il 23.01).
Dopo un rimbalzo verso la resistenza in area 2400/40 (massimo a 2419 il 01.02), sono riprese con forza le vendite che hanno respinto l'indice fino a toccare un minimo a 2253 il 07 febbraio.
Nel mese di febbraio l'indice si è mosso lateralmente tra 2250 e 2380.
Per le prossime sedute: dall'inizio di marzo le quotazioni si sono riportate al test dei min.
di gennaio a 2200 (nuovi minimi per l'anno a 2155,42 il 17.03) per poi iniziare una fase di rimbalzo tecnico, tuttora in atto, che ha spinto l'indice a toccare un massimo a 2447 (il 24.04).
Eventuali rintracciamenti incontrano un supporto in area 2350/75, la cui tenuta manterrebbe un'impostazione tonica per un test della resistenza critica a 2500, dove sono attese vendite.
Solo assestamenti sopra tale livello (ancora si presenta prematuro) fornirebbero un segnale distensivo convincente per i mesi a venire.
Perdita di spinta sotto i 2315 ma un segnale di rinnovata debolezza si avrebbe solo su discese al di sotto di 2255/70 (poco probabile).
Ripresa delle vendite sotto 2200 (improbabile).
Volatilità implicita.
Vxn: 23,65.
Prosegue la fase distensiva iniziata a metà marzo (segnale positivo): importante una prosecuzione della stabilizzazione in atto al di sotto di 27,50-29.
Prossimo supporto l'area 19,15-20,85.
Dow Jones Ind.
Seduta leggermente negativa per il Dow Jones Ind., che chiude a 12872 (-0,16%) Da inizio anno, dopo il test di 13550 l'indice perfora 13000 e scende in accelerazione sui minimi di metà agosto 2007 a 12500, la cui rottura spinge le quotazioni, in un vero e proprio panic-selling, a testare per due volte consecutive il supporto critico in area 11500/650 (min 11634,82 il 22.01), dove si è avuta l'attesa reazione tecnica.
L'indice si è poi portato al test della resistenza in area 12700/850 (massimo a 12768 il 01.02), dove sono riprese con forza le vendite che hanno respinto le quotazioni verso il supporto a 12050 (l'11.02).
Nel mese di febbraio l'indice si è mosso lateralmente tra 12050 e 12750.
Per le prossime sedute: dall'inizio di marzo l'indice si è riportato al test dei min.
di gennaio a 11650, toccando un min.
a 11732 il 10.03.
Dopo ripetuti test di 11750 è iniziata [...]

Leggi tutto l'articolo