Antonio Montanari

Ritrovo, sistemando gli archivi informatici, un vecchio testo («Virgolette sadiche», settembre 2007) in cui ricordo Silvano Cardellini, l’articolo a lui dedicato (orribilmente mutilato dal «Resto del Carlino» da dove, prima di pubblicarlo, mi telefonarono per chiedermi se io fossi un amico del povero Silvano), e certi modi classici del giornalismo di provincia.
Riprendo qui soltanto il passo relativo al giornalismo di provincia, che ha pure un richiamo autobiografico.
… finita in gloria l’avventura del «Messaggero», Silvano era rientrato al quotidiano di Bologna, da dove era stato sempre lasciato marcire come il ragazzino apprendista nella cronaca quotidiana ufficiale, quella delle conferenze-stampa: un rito che gli inesperti affrontano timidamente magari facendo domande perché hanno visto che alla conferenze-stampa dei presidenti degli Stati Uniti of America od anche, sia detto con rispetto, del presidente del Consiglio d’Italia, usa così: che il giornalista alza la mano, chiede una c...

Leggi tutto l'articolo