Apre il Parlamento, Pd e Pdl: scheda bianca Camera e Senato, doppia fumata nera

LA NUOVA LEGISLATURA AL VIA.
Berlusconi non va in Aula, «non è al top».
La partita sarà lunga e difficile.
Grillo esulta sul web: «La storia ha inizio».// online marketingè andata a vuoto la prima votazione al Senato, la prima per eleggere il presidente.
Con 246 schede bianche, più della metà dei componenti l'emiciclo, nessun candidato ha raggiunto la maggioranza assoluta (161) necessaria per aggiudicarsi la poltrona di seconda carica dello Stato.
I presenti e votanti sono stati 313 senatori.
Orellana ha raccolto 52 voti, Sibilia 4, Mussolini 3, Compagna 2, Colombo 1, Scilipoti 1.
Le schede nulle sono state 4.
La seconda votazione inizierà alle 16.00.CAMERA - E c'è stata una fumata nera anche per la prima votazione alla Camera.
Mentre lo spoglio per l'elezione del presidente è ancora in corso le schede bianche hanno superato quota 210.
Non è dunque più possibile raggiungere il quorum dei 420 voti necessari per l'elezione del presidente con il quorum dei due terzi degli aventi diritto.INIZIO LEGISLATURA -LA XVII legislatura è iniziata ufficialmente oggi: l'apertura della seduta per palazzo Madama è stata alle 11, quella di Montecitorio alle 10.30.
Ma si profila uno stallo: solo il Movimento 5 stelle voterà per i suoi candidati (Roberto Fico per la Camera e Luis Alberto Orellana per il Senato) alla prima votazione, mentre il Pd ha deciso di votare scheda bianca in entrambi i voti, così come il Pdl.
Durante le prime due votazioni, hanno spiegato in mattinata da via dell'Umiltà, il partito voterà scheda bianca in entrambi i rami del Parlamento, sperando che il Pd nelle successive «metta fine a questa strana rincorsa ai grillini» e accetti un'intesa con il Pdl e i centristi di Scelta Civica (scheda bianca anche per loro, come confermato da Mario Mauro a Radio Uno).
Intanto la senatrice del Pd Anna Finocchiaro smentisce su una presunta «intesa» con il partito di Maroni: «Leggo sui quotidiani di un mio "colloquio segreto" con i rappresentanti della Lega su ipotetiche trattative per le Presidenze delle Camere: è una notizia totalmente priva di fondamento».BERLUSCONI ASSENTE - «Berlusconi? Non credo che oggi verrà, ancora non è al top».
L'ha detto il senatore Pdl Maurizio Gasparri, arrivando alla riunione dei gruppi di Camera e Senato convocata a Montecitorio.
Berlusconi da qualche settimana soffre di «uveite», un'infiammazione che l'ha colpito costringendolo venerdì al ricovero al San Raffaele e all'impossibilità di presenziare ai processi a suo carico, in corso a Milano.
L'ex premier sarà [...]

Leggi tutto l'articolo