Arcade Fire - EVERYTHING NOW (Columbia/Sony, 2017)

Tornano gli Arcade Fire, dopo ben quattro anni dal precedente Reflektor, che in un certo senso faceva imboccare alla band canadese la strada della dance, soprattutto quella derivativa dalla disco degli anni ‘70.
Il risultato fu in parte esaltante, in parte invece lasciava presagire un altro giro di boa, visto che quando si tratta di cambiare, può essere del tutto inevitabile andare incontro a delle fasi transitorie.
Everything now pertanto si impone di continuare il percorso intrapreso quattro anni fa, ma lo fa attingendo alle riserve sintetiche del pop anni ‘80, o anche alla stessa dance anni ‘90.
E se il singolo apripista omonimo lasciava presagire pesanti scivoloni, data la sua peculiare natura radiofonica, con quei suoni ariosi e un tantino ampollosi, l’enfasi dettata dalle atmosfere sintetiche, il resto del disco non assottiglia i dubbi circa il nuovo corso intrapreso dal gruppo.
Se Sign of life ci ricorda i Talking Heads di Speaking in tongues, Creature comfort ci introduce in...

Leggi tutto l'articolo