Arisa: "A 9 anni ho sniffato tabacco. Le lacrime in tv? Ero furiosa"

"Ho abbandonato Domenica In perché ero arrabbiata, non volevo piangere in tv.
Mia madre pensava di farmi un favore, ma non mi piacciono questi gossip, continui colpi di scena...
Perché devo piangere in tv? Io ero e sono così felice: ho vinto Sanremo!".
Ospite de Le invasioni barbariche, Arisa è tornata sull'episodio delle lacrime in diretta, quando abbandonò lo studio dopo l'intervista alla madre.
"La tv dovrebbe fare cultura", ha aggiunto la cantante che poi ha avuto modo di svelare alcuni particolari inediti sulla sua infanzia.
"Ho un pessimismo molto ironico, sono sempre stata così, anche da bambina" ha raccontato Rosalba Pippa alla Bignardi.
"A nove anni avevo scoperto questo tabacco che si sniffava e me lo facevo in classe per fare la dura e attirare l'attenzione.
Ricordo che le mie compagne non mi stavano vicino perché avevano paura di essere prese per pazze anche loro!".
Subito dopo ha ammesso: "Vorrei continuare ad essere bambina.
Essere bambini è un grande privilegio, a volte li invidio molto".
Un figlio in arrivo? Per ora no: "Non voglio fare un figlio per aver dietro otto babysitter…Insomma, ci vuole pazienza.
Ho visto che al Festival si diceva che fossi incinta.
Guarda, ho fatto il test stamattina e non è così, tranquilli".
E l'amore? Arisa è innamorata del suo fidanzato "a giorni alterni" ed è l'unica persona che la capisce, infatti "qualora dovesse lasciarla finirebbe per rimanere zitella" ha sbottato ironicamente la cantante.
 

Leggi tutto l'articolo