Arisa: "Meglio essere Calimero che Naomi"

                                                                     SANREMO - "E mo' io che devo fare?Stasera faccio finta che non lo so, che mi avete dato pure questo premio?".
Arisa strappa l'ennesimo applauso al termine della conferenza stampa.
Il personaggio del momento è lei.
Dopo il trionfo nella categoria Proposte, la cantante nata a Genova ("però ci sono stata solo sei giorni") e vissuta in provincia di Potenza si aggiudica infatti anche il premio della critica "Mia Martini" (davanti a Malika Ayane a Simona Molinari).
Ma il successo, a questa ragazza che ammette di essere "più simpatica che bella", non sembra aver dato alla testa.
"Come canto in una canzone del mio nuovo album - dice - mi accontenterei di un balconcino pieno di fiori e di un angolo cottura bello grande.
Insomma, un monolocale a prezzi modici".  Ma cosa hai provato, sul palco, quando Bonolis ha annunciato la tua vittoria? "Sul palco non sapevo nulla.
Ho preferito non saperlo per essere leale con il pubblico e le persone che avevano creduto in me.
Quando ho sentito il mio nome, ho pensato che finalmente era arrivato il mio momento".
CARTOON - Oltre che per la canzone "Sincerità", che tutti hanno imparato a canticchiare dopo il primo ascolto, Arisa ha colpito anche per il suo look: "Mi è sempre piaciuto uno stile originale, buffo.
Pantaloni larghi, occhialoni, capelli alla collegiale.
Anche se non ho un buon rapporto con il mio aspetto: se qualcuno mi dice che sono bella, non ci credo e allora si cominciano a incrinare i rapporti".  E quando dicono che assomigli a un cartoon? "Mi hanno detto che assomiglio a Calimero.
Non potevano fami un complimento migliore.
Tra Calimero e Naomi Campbell, preferisco assomigliare al primo".
Altro che conigliette, insomma.
GENITORI - Arisa parla spesso dei suoi genitori, ai quali dedica la vittoria (oltre che al suo staff e a Sanremolab, che l'ha lanciata): "I miei genitori sono venuti qui a Sanremo, sono orgogliosi di me.
Mio padre addirittura ha rilasciato un'intervista davanti all'Ariston.
Sono contenta, perché anche loro possono vivere il loro momento di gloria: la loro non è una vita che riservi particolari felicità.
La mia vittoria la dedico a loro: voglio che tutti sappiano che sono la figlia di un'autista e di una casalinga.
Se ce l'ho fatta io, possono farcela tutti".
Il video - Il ritmo di Arisa conquista la sala stampa  

Leggi tutto l'articolo