Armando Brunini su BLQuì descrive la nuova era del restyling al terminal

Negli ultimi anni i principali sviluppi infrastrutturali dell’aeroporto di Bologna hanno riguardato l’airside con l’allungamento della pista e l’ampliamento dei piazzali.
La nostra aerostazione ha fatto più che egregiamente il suo lavoro in questi ultimi decenni (il I° Lotto risale al 1990) consentendoci di ottenere una ottima soddisfazione del passeggero.
Il traffi co negli ultimi 2 anni è cresciuto, però, di ben oltre il 30% ed è quindi giunto il momento di adeguare il sistema aerostazione anche per tener conto delle mutate condizioni di business e dell’evolversi della tecnologia disponibile.
I lavori che faremo serviranno a far “reggere” l’attuale terminal per un’altra decina di anni quando saremo pronti con una aerostazione completamente nuova che ci consentirà di poter ricevere 10 milioni di passeggeri.
I lavori che partiranno in primavera e dureranno circa due anni incideranno su diversi elementi del sistema landside: - si unificherà il check in una sola grande sala e ci doteremo di tecnologia all’avanguardia, incluso alcuni banchi automatici per il bag drop ed * - un nuovo ed effi ciente sistema di smistamento bagagli in partenza, - i varchi security passeranno da 7 a 10, - i bagni da 120 a 145, - gli imbarchi da 14 a 21, - vi saranno 3 pontili di attraversamento per aumentare le possibilità di imbarco/sbarco a piedi e 2 finger, - il 50% in più di spazi commerciali, - una sala arrivi unifi cata, - impianti completamente rinnovati, - un nuovo sistema di viabilità.
Insomma avremo un terminal, solo un po’ più grande, ma estremamente più razionale, moderno e bello.
Per ottenere questo importante risultato, necessario a continuare a crescere mantenendo i livelli di qualità a cui sono giustamente abituati i nostri clienti, affronteremo 2 anni difficili dove tutte le nostre energie dovranno essere orientate a minimizzare i disagi per i passeggeri ed i possibili impatti negativi sul traffico.
E’ per questo che abbiamo istituito il Gruppo di Lavoro Teddi, formato da rappresentanti delle diverse funzioni SAB coinvolte, che ha l’obiettivo di anticipare le problematiche derivanti dai lavori individuando le soluzioni, agevolare le comunicazioni tra reparti e velocizzare le decisioni operative.
Un primo esempio di iniziativa gestite dal GdL Teddi è la decisione di realizzare un mini terminal temporaneo, denominato Est, dove gestire i processi di Bag Drop di Ryanair e alcune operazioni speciali.
Sono sicuro che, stringendoci intorno ai colleghi dello “Sviluppo Infrastrutture” e del Gruppo [...]

Leggi tutto l'articolo