Artemisia e le altre: miti e riti sulla violenza di genere

Il titolo del loro saggio  di Marialuisa Vallino e Valeria Montaruli, rispettivamente magistrato e psicanalista e criminologa, fa riferimento alla vicenda di Artemisia Gentileschi, celebre pittrice seicentesca, ma anche vittima di stupro, come “altre” donne.
L’evidenza quotidiana della violenza risalta nelle pagine di cronaca e sottolinea di continuo l’aberrante fenomeno di “genere” che riguarda i maltrattamenti fisici, gli abusi psicologici, gli omicidi.
Gli scenari della violenza perpetrata nei confronti delle donne sono infiniti e occorre riflettere sul senso profondo del femminile e sulla soggettività lesa.
Cosa si cela dietro le protervie umane? Perché la Dea antica, madre, sposa e sorella dell’uomo è stata violata? E quali gli scenari tipici in cui la violenza si concretizza? Infine, esiste un modo per canalizzare in maniera sana e creativa il dolore? L’intento delle autrici è quello di fornire una nuova chiave di lettura del fenomeno, attraverso una ricostruzione storico-mitolog...

Leggi tutto l'articolo