Asia Argento, la nuova Karenina finita nelle mani di uomini disastrosi

Essere una donna al giorno d'oggi è difficile; essere un'attrice lo è ancora di più. Asia Argento, finita nella bufera per il caso Weistern e per quello di Bennet, ha dovuto anche subire l'onta degli insulti che le sono piovute addosso da ogni parte, soprattutto dalle donne. Chi l'avrebbe mai detto: la diva che ha guidato la rivoluzione contro il potere maschilista, adesso è attaccata da chi dovrebbe spalleggiarla e difenderla.
Ma le donne sono fatte così: sono invidiose, pettegoli, perfide, prive di solidarietà e piene fino alla cima dei capelli di rivalità e gelosie. "Puttana" è stato l'epiteto più pesante che ha subito; altri sono stati più sedimentati: maleducata, egocentrica figlia di papà, perversa e borderline, giustiziera femminista ossessionata da se stessa.
Asia Argento è una donna aggressiva che usa toni accesi e si esibisce in gesti plateali. Non è particolarmente simpatica. L'andatura della "vamp" la rende invisa a molti. Ma è anche una che a quattro anni leggeva Melvill...

Leggi tutto l'articolo