Aspettando l’ orata

  Alla foce di questo fiume calmo dove si specchiano le luci della costa proprio di fronte alla montagna in mezzo al mare così si aspetta, su questa regista sotto l' ombrello.
Perchè il cielo è coperto e nero.
  Un occhio alla luce della stella per coglierne ogni piccolo movimento e uno alle onde del mare per capire se è solo un movimento d' onda.
  Intanto il mare sta cancellando ogni impronta del giorno.
  Alla fine qualcosa arriva.
Non importa che sia un' orata, basta la luce dei fuochi là in fondo o la voce antica del mare o il cielo che si apre all' improvviso e ti mostra le stelle e un pezzo di luna.
Basta anche solo la compagnia di chi portavi tu a pesca un tempo..
  Ma si è fatto tardi..
bisogna andare, oggi si torna a casa, all' amato lago.

Leggi tutto l'articolo