Assoluti Rieti 2016, nella prima giornata Libania Grenot e Matteo Galvan dritti in finale

Si sta per concludere la prima giornata dei Campionati italiani assoluti di Rieti e arrivano i primi risultati in una giornata dedicata principalmente alle qualificazioniper le finali di domani e Domenica.
Nei 400m uomini (batterie) - In 47 secondi e 27 centesimi il campione in carica Matteo Galvan (Fiamme Gialle) risolve in maniera disinvolta la pratica della qualificazione.
Il crono migliore delle quattro batterie è del piemontese Michele Tricca (Fiamme Gialle), 47.10 sul 47.15 del siciliano Giuseppe Leonardi (Enterprise Sport & Service).
Finale domani alle 18:50.Al femminile nel  giro di pista l'atmosfera sembra già scaldarsi sul giro di pista femminile.
La campionessa europea Libania Grenot (Fiamme Gialle) liquida la pratica vincendo il proprio round in un agevole 53.85.
Attenzione alla più veloce del primo turno Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) che sulla pista di casa sfodera un 52.90 controllando nel finale.
E' poi la volta di Marta Milani (Esercito) che per l'occasione migliora lo stagionale a 53.12 sulla compagna di club Raphaela Lukudo, mentre la dottoressa Elena Maria Bonfanti (Lecco-Colombo Costruzioni) chiude il suo giro di pista vincendo la prima batteria in 53.18.
Ma la bella sorpresa di oggi ha il volto della giovanissima Rebecca Borga.
La 18enne dell'Atletica Riviera del Brenta è la quarta migliore atleta del primo turno in 53.35: 48 centesimi di primato personale rispetto 53.83 che due settimane fa a Bressanone l'aveva incoronata campionessa italiana junior.
Il crono della velocista veneta, ottenuto in scia alla Chigbolu, scala le liste alltime under 20 proiettandola al secondo posto insieme ad Ayomide Folorunso (stesso tempo a Torino nel 2015) e a soli tre centesimi dal 53.32 del record italiano di categoria di Alessia Oberstolz (1999).
Domani in finale alle 18:55 avranno una corsia anche altre due componenti della 4x400 azzurra: Chiara Bazzoni (Esercito) 53.63 e Maria Enrica Spacca (Forestale) 53.83.
Lungo donne (qualificazione) - In due mandano a referto una misura con il 6 in prima cifra: Laura Strati (Atl.
Vicentina) 6,17 (+1.4) e la promessa Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) 6,00 (+1.3).
Ottavia Cestonaro si ferma appena due centimetri più indietro rispetto alla soglia dei 6 metri, 5,98 (0.0) per la vicentina della Forestale.
Domani alle 17:15 la finale.
Disco donne (qualificazione) - La promessa Giada Andreutti (Udinese Malignani Libertas) con 52,97 e la pluricampionessa italiana Laura Bordignon (Fiamme Azzurre) con 52,48 centrano i migliori lanci di qualificazione [...]

Leggi tutto l'articolo