Attentato ad Hitler

20 luglio 1944 Alle ore 12,42 la Wolfsschanze (�Tana del lupo�), il Quartier Generale di Hitler a Rastenburg, in una foresta della Prussia Orientale, � scossa da una spaventosa deflagrazione: una fiammata e una nube di fumo si alzano dalla baracca dove si tengono,presente il Fuhrer, le quotidiane riunioni dello Stato Maggiore tedesco (quando avviene lo scoppio ne � in corso per l�appunto una, iniziata da pochi minuti).Si sentono i lamenti dei feriti (alcuni sono stati proiettati fuori dalle finestre aperte)e le invocazioni di aiuto; altri giacciono ormai senza vita.
E Hitler? Il capo del nazismo � rimasto ferito ma in maniera molto lieve.E', si, sotto shock (la sua prima reazione � stata: �I miei calzoni nuovi...!�), ma a parte il viso annerito, i capelli arruffati e i calzoni a brandelli e qualche escoriazione, � del tutto incolume al punto che qualche ora dopo, alle 16, pu� ricevere la visita di Mussolini, prevista in un primo tempo per le 14,30.
Non ci vuole molto a classificare l�e...

Leggi tutto l'articolo