Attività dei carabinieri del Comando provinciale di Campobasso

A Larino  i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno denunciato per danneggiamento aggravato S.G., 25enne del luogo, disoccupato, il quale, colto da improvviso stato di agitazione, nella serata del 6 novembre aveva danneggiato quattro autovetture parcheggiare in corso Fratelli Battista, causando danni in corso di quantificazione. A Bojano i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno deferito, in stato di libertà,  per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica I.A., 29enne da Riccia, in quanto risultato avere un tasso alcolemico del sangue superiore a quello consentito in occasione di un controllo al quale veniva sottoposto mentre si trovava, in quel centro abitato, alla guida di autovettura non di sua proprietà.
A Campolieto i militari della locale Stazione hanno denunciato per violazione di sigilli G.C.,  47enne da Santa Croce di Magliano (CB),  il quale veniva controllato alla guida della propria autovettura VW Golf sebbene la stessa fosse sottoposta a fermo amministrativo per omessa revisione periodica; il mezzo è stato sequestrato.
A Campobasso i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, al termine delle indagini relative al furto di merce per 100 euro avvenuto all’interno del supermercato “Dok” ubicato in Corso Bucci, hanno denunciato R.M.G., 47enne da Petrella Tifernina (CB), disoccupata, sul conto della quale emergevano indizi di colpevolezza in ordine al reato suddetto.
Sempre i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della  Compagnia di Campobasso hanno notificato a F.M., 28enne già censita, attualmente ristretta presso la casa circondariale di Foggia perché arrestata in flagrante a seguito della rapina dello scorso 2 novembre ai danni della gioielleria “Tangredi”, una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale del capoluogo molisano a seguito delle risultanze investigative prodotte dall’Arma e convalidate dall’autorità giudiziaria. 

Leggi tutto l'articolo