Attività dei carabinieri del Comando provinciale di Campobasso

A Bojano i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno deferito, in stato di libertà, per il reato di omissione di soccorso S.G., 71enne da Ripalimosani (CB), non essendosi questi fermato a prestare soccorso in favore di D.S., 35enne  da Bojano dopo che, con la sua autovettura, in quella via Molise, lo aveva tamponato da tergo mentre si trovava alla guida di un motociclo; nell’occorso, il D.S.
veniva, invece, deferito per guida sotto l’effetto di stupefacenti  in quanto, all’esito di mirati accertamenti esperiti presso il nosocomio del capoluogo dove era stato trasportato per ricevere le cure del caso e dove gli venivano riscontrate lesioni giudicate guaribili in trenta giorni s.c., risultava aver assunto sostanze di natura stupefacente.A Larino i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza due persone controllate nel corso di servizi notturni sulle strade della provincia: si tratta di L.S., 50enne da Bonefro (CB) , controllato in Montelongo con un tasso alcolemico pari a 2.06 gr/lt e di S.C., 30enne da Larino, controllato nel centro frentano il quale si rifiutava di sottoporsi all’accertamento.
In entrambi i casi la patente di guida veniva ritirata.
Sempre i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Larino sono intervenuti nottetempo presso il night club “Lery”, ubicato in quella contrada “San Benedetto”, unitamente a personale dei Vigili del Fuoco di Campobasso; nel corso del controllo veniva riscontrata la carenza dei requisiti prescritti per la prevenzione incendi e la sicurezza sui luoghi di lavoro  per cui si procedeva al sequestro preventivo del locale ed alla denuncia del titolare, K.E., 33enne albanese residente a San Salvo (CH) per omissione colposa di cautele contro infortuni sul lavoro.
A Campobasso i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno denunciato: per lesioni personali, violazione di domicilio e minaccia aggravata M.R., 46enne da Bojano, già censita; per minaccia D.A.T.A., 48enne da Campobasso; per minaccia aggravata il minorenne figlio di D.A.T.A.; per percosse C.M., 47enne da San Giovanni in Galdo (CB).
I fatti sono accaduti in un condominio di via Monte San Michele dove, per vecchi rancori, la M.R.
si era introdotta arbitrariamente nell’appartamento della D.A.T.A., minacciandola con un coltello preso dalla cucina;  il figlio minorenne interveniva minacciando a sua volta con un coltello la M.R.
per poi percuoterla [...]

Leggi tutto l'articolo