Auschwitz: ora sarà vietato farsi selfie e foto sui binari

Per rispetto, non mostreremo le foto dei visitatori che vanno ad Auschwitz e che postano sui social, Instagram in primis, selfie e foto di loro stessi che sorridono e che camminano sui binari dei treni.
Quei treni della morte non sono un soggetto divertente.
E ad Auschwitz si sono stancanti di vedere turisti irrispettosi di un luogo simbolo della sofferenza umana.
Così, i gestori del museo, usando proprio i social, hanno rivolto un invito, nei giorni scorsi, ai visitatori del campo di concentramento nazista.
Su Twitter è stato pubblicato questo messaggio: "Quando venite ad Auschwitz ricordate che siete nel sito dove sono state uccise oltre 1 milione di persone.
Rispettate la loro memoria.
Ci sono luoghi migliori per imparare a fare l'equilibrista rispetto al sito che rappresenta la deportazione di centinaia di migliaia di persone verso la morte".
Il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau si trova in Polonia ed è visitato tutto l’anno da turisti provenienti da ogni parte del mondo.
È una tappa imperdibile per chi visita Cracovia o Katowice (anche meglio perché è più vicina).
L’escursione, della durata di un giorno, prevede, in genere, il tour guidato a Oswiecim per visitare il memoriale e museo nazionale di Auschwitz.
Il luogo è dedicato alla memoria, per non dimenticare le vittime e l’orrore dell’Olocausto, e racconta una pagina atroce della storia contemporanea.
L’area comprendeva il campo più piccolo di Auschwitz I, che venne solo parzialmente distrutto dai nazisti in fuga, e che per questo ha conservato intatti molti edifici.
A circa 3,5 km di distanza dal primo, c’è il secondo campo, quello di Auschwitz II-Birkenau, di cui sono visibili una settantina di baracche.

Leggi tutto l'articolo