Autonomia: Bonaccini, stop rallentamenti

(ANSA) – BOLOGNA, 23 DIC – “Un mese in più o in meno non cambia nulla, ma un percorso avviato quasi un anno fa non può durare in eterno.
Se a febbraio avremo le intese è giusto che il Parlamento impieghi il tempo che riterrà necessario per un esame approfondito, ma mi aspetto anzitutto dal governo e dalla maggioranza che lo sostiene un’assunzione di responsabilità”.
Così il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini commenta al Corriere di Bologna l’annuncio da parte del Governo dell’intesa sull’autonomia.
Il governatore auspica di chiudere l’iter entro le prossime Regionali e rivendica il ruolo precursore dell’Emilia-Romagna.
“Per una strada diversa – spiega – arrivammo insieme alla pre intesa col governo Gentiloni, e ci toccò anzi aspettare Veneto e Lombardia per sottoscriverla”.
“Per mesi ho letto dichiarazioni e retroscena per cui l’Emilia-Romagna sarebbe arrivata dopo.
Non è stato così, siamo stati ascoltati.
Ribadisco che conviene a tutti, anzitutto al governo, tenere unite Regioni di segno politico diverso”.