Autonomia, 5Stelle frenano: 'No a cittadini di serie A e B'

Il Consiglio dei ministri ha avviato il percorso delle intese con Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna che dovrebbe portare ad attribuire a queste regioni una serie di competenze che incidono sulla vita dei cittadini: dalla scuola, alla sanità, dalle casse di risparmio fino alla sicurezza sul lavoro.
Una novità, se non una rivoluzione, che entusiasma la maggior parte degli abitanti delle tre Regioni, ma spaventa i residenti del Sud che temono il venir meno di risorse che assicurano i servizi di base.
Timori che attraversano anche la maggior parte dei partiti, a cominciare dal M5s che ha nel Mezzogiorno la sua ossatura elettorale, senza tralasciare l’opposizione: dal Pd e LeU a Forza Italia.
“Per il M5S, sempre in direzione del rispetto della Costituzione, ogni percorso di autonomia non può prescindere dalla prioritaria individuazione dei Lep”, cioè dei livelli essenziali delle prestazioni per evitare che “ci siano cittadini di serie A e di serie B”, si legge in un dossier dei gruppi parlamentari di M5s sulle intese con Veneto, Lombardia e Emilia Romagna sul regionalismo differenziato.Il dossier critica anche la tesi dell’inemendabilità da parte del Parlamento dei disegni di legge che recepiscono le tre intese.
“Non ci saranno cittadini di serie A e di serie B.
Chi dice queste cose non ha letto” le bozze delle intese tra Stato e le tre Regioni che chiedono AUtonomia.
Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini lasciando Palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri che ha iniziato l’esame delle intese.
“Siamo favorevoli ad una maggiore autonomia ma teniamo in grande considerazione le ragioni del Sud”, ha detto Silvio Berlusconi, ospite di Porta a Porta.
“È certamente positivo che dopo il passaggio di dicembre oggi ce ne sia un altro in Consiglio dei ministri, con le comunicazioni relative a una bozza di intesa.
Dunque, un passo avanti, ma non certo quello conclusivo, per un’intesa che va ancora trovata e sulla quale noi aspettiamo fatti e risposte concrete, non tanto delle intenzioni.
Personalmente non mi sono mai impiccato alle date e quindi aspetto”, ha affermato il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.
“Sono soddisfatta perché questa sera i testi sulle autonomie arrivano in Consiglio dei ministri.
La procedura non prevede in Consiglio voti sui testi.
Siamo consapevoli che il percorso non è concluso, ma siamo ottimisti sul risultato perché stiamo compiendo un passo importantissimo nell’ottica della razionalizzazione e del risparmio della [...]