Avasinis, un dovere etico e morale, quello di dare una risposta ai tanti perché

Il Messaggero Veneto del 1° maggio 2019 ha pubblicato una riflessione di Pieri Stefanutti sui passi intrapresi, oltre che per ricordare le vittime dell'eccidio, anche per cercare di capire quali sono state le cause e le circostanze del doloroso episodio. Avasinis ricorda le sue 51 vittimeIl prossimo 2 maggio una mesta processione raggiungerà il monumento memoriale di Avasinis per commemorare le 51 vittime dell'ultimo eccidio nazifascista compiuto in Friuli il 2 maggio 1945, proprio mentre in tanti altri paesi si festeggiava già la avvenuta liberazione.
Il programma della commemorazione prevede la celebrazione di una santa messa e gli interventi del sindaco di Trasaghis Picco e del presidente dell'ANPI regionale Veneto Collovini.
È dunque la 74° volta che nella piccola frazione di Trasaghis la gente si raduna per la commemorazione, nel suo duplice aspetto, civile e religioso.
74 anni sono tanti: quasi tutti quelli che furono protagonisti - direttamente o indirettamente - di quella do...

Leggi tutto l'articolo