Bagni pubblici a Bologna

24) Uno dei drammatici problemi quando si va in una città è trovare bagni pubblici gratuiti, magari anche puliti.
Evidentemente qualche anno fa il problema è stato affrontato con decisione dall'amministrazione bolognese, che ha installato numerose toilette pubbliche automatiche con monetina tutt'intorno alle mura (per esempio piazza Trento e Trieste, Villa Cassarini, laterale di via Mattei).
Peccato siano tutte distrutte e fuori uso.
Rimangono le classiche turche o vespasiani, per esempio all'interno di porta Saragozza e via Michelino, in zona San Donato, difficilmente utilizzabili dal sesso femminile.
In posizione strategica, centralissimi, sono i bagni a pagamento di via IV novembre (di fianco a palazzo Accursio, sede del municipio), via Belvedere (all'uscita posteriore del mercato delle erbe di via Ugo Bassi), piazza de' Calderini (adiacente a piazza Minghetti) e della biblioteca della Sala Borsa, in piazza del Nettuno, quando è aperta.
Più defilati, sempre a pagamento, i bagni del ...

Leggi tutto l'articolo