Balduzzi: "L'aumento di vendite dei generici ci riallinea agli altri Paesi europei"

A sette mesi dalla sua entrata in vigore, la norma del governo Monti di indicare il nome del principio attivo in ricetta sembra funzionare, producendo ad oggi un +25% di acquisti.
L'ex ministro della Salute: "Funziona senza creare sfracelli nel sistema" » Cronaca Medicina e SaluteEmanuele Dorru - 30/05/2013         Fonte: Immagine dal web Contenuti correlati Farmaci al supermarket: la rivoluzione dei "generici" Farmaci generici: Altroconsumo, "ecco perché usarli è un vantaggio" Farmaci e principio attivo sulle ricette, per ora vince la diffidenza   Era il 30 agosto dello scorso anno quando, apochi giorni dall'entrata in vigore del provvedimento Monti che impone ai medici di base di indicare sulla ricetta rossa il nome del principio attivo invece che il nome "griffato" del farmaco, emergeva una certa diffidenza all'acquisto da parte degli italiani.
L'80 per cento delle persone, infatti, a fronte di un evidente risparmio per il generico, pagava di tasca propria la differenza per le medicine conosciute da sempre.
"Se l'obiettivo - faceva notare all'ora l'Aifa - era quello di generare un risparmio, il traguardo appare ancora lontano".
Oggi, invece, a pochi mesi di distanza, il traguardo auspicato dal ministero della Salute sembra essere stato raggiunto e l'indicazione del principio attivo sulle ricette mediche sembra funzionare a dovere, tanto da registrare un vero e proprio boom nelle vendite dei farmaci generici rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).
Un aumento di circa il 25 per cento delle confezioni vendute tra settembre 2012 e marzo 2013.
A confermare il trend positivo è Assogenerici che sottolinea, inoltre, le punte record in alcune regioni italiane come ad esempio la Calabria con il +36 per cento.BALDUZZI: "LA NORMA FUNZIONA SENZA CREARE SFRACELLI". "La norna inizia a funzionare inizia a funzionare, senza creare sfracelli nel sistema", questo il commento a caldo dell'ex ministro della Salute, Renato Balduzzi che ha poi sottolineato come il provvedimento sia "utile ai cittadini, ai pazienti e al sistema nel suo complesso".
"Questo aumento - ha aggiunto l'ex ministro - va nella direzione di un riallineamento graduale dell'Italia nei confronti degli altri Paesi europei sul consumo dei farmaci generici".
"Ed era questo - ha concluso Balduzzi - l'auspicio del legislatore". LA GEOGRAFIA DEI GENERICI. I dati di Assogenerici parlano mostrano un quadro interessante sul consumo del farmaco equivalente.
Nel periodo preso in esame, la crescita delle vendite dei generici, anche se con valori diversi, ha [...]

Leggi tutto l'articolo