Bambina indigena violentata e uccisa: continua la repressione in Bangladesh

 Una famiglia di Chakma dalle Chittagong Hill Tracts del Bangladesh, dove omicidi, torture e stupri contro gli indigeni sono all’ordine del giorno.Una bambina di undici anni appartenente alla tribù dei Chakma del Bangladesh è stata violentata e uccisa da un colono.Sujata Chakma è stata assalita il 9 maggio, vicino al suo villaggio, mentre stava pascolando le mucche insieme al fratellino.L’uomo sospettato del crimine è stato arrestato, ma gli indigeni locali hanno poca speranza che sarà realmente portato in tribunale.Tra gennaio e maggio, sono già state violentate almeno sei ragazze e donne Jumma.
“I coloni continuano a commettere questi abusi nella totale impunità” ha dichiarato Rina Dewan, della Hill Women’s Federation.
“Finora, non un solo stupratore è stato consegnato alla giustizia e questo è certamente il fattore che contribuisce in modo più importante alla ricorrenza di questi crimini atroci”.Il governo del Bangladesh ha trasferito centinaia di migliaia di coloni nelle Chittagong...

Leggi tutto l'articolo