Banche

Oramai è conclamato: le banche non fanno il loro dovere.
Non lo fanno ora, che, dopo aver ricevuto tutto il ricevibile dallo Stato (da noi dunque), continuano a non finanziare le imprese.
Ma non lo facevano neanche prima.
Io non so per quale motivo, ma è evidente che le banche hanno da tempo rinunciato al loro ruolo.
La banca dovrebbe essere un soggetto capace di incidere sul tessuto sociale e economico di un paese, finanziando l’impresa e traendo il profitto dalla differenza tra tassi attivi e tassi passivi.
Invece no.
Le banche non vogliono rischiare.
Spesso semplicemente non sono capaci di rischiare.
Del resto la classe dirigente bancaria è selezionata in massima parte sulla base di criteri diversi dal merito e dunque… Ma di cosa vivono le banche se non fanno ciò che dovrebbero fare? Vivono di quei costi fissi che addebitano a noi dopo averli leggermente maggiorati: un euro ogni comunicazione, qualche spicciolo per la tenuta del conto, altri euro per questo o per quello e alla fine si campa così.
L’unica volta che hanno deciso di affacciarsi al mondo del rischio, che pure dovrebbe essere il loro pane quotidiano, abbiamo visto con quali risultati.
Lo abbiamo visto TRE volte.
Primo perché hanno sbagliato (come era prevedibile), scegliendo di finanziare imprese spericolare e cartolari piuttosto che imprese vere, anche se meno patinate.
Secondo perché hanno trasferito il rischio su di noi (of course).
Terzo perché alla fine ci è toccato cacciare fuori i soldi per “salvarle”.
E poi se la prendono coi burocrati nostrani: fannulloni che amano il posto fisso e i guadagni (pochi ma) sicuri.
Non sarà che il vizietto della burocrazia è un tantino più diffuso di quanto pensiamo? Se poi vogliamo verificare di persona proviamo a entrare in una banca: più è grande e famosa e più si percepisce con nettezza l’aria da ufficio pubblico.
Se poi riflettiamo sul fatto che i bancari guadagnano molto più dei dipendenti pubblici ci viene il (solito e maledetto) sospetto: vuoi vedere che se guadagnano di più è perché…lavorano anche meno?  

Leggi tutto l'articolo