Bangladesh

Bangladesh, cibo insufficiente Proseguono a fatica le operazioni di soccorso dopo il passaggio del ciclone Sidr.
Già 3.500 i morti accertati   DACCA (Bangladesh) - Con il passare delle ore si fa sempre più pesante il bilancio delle vittime causate dall'uragano Sidr, che ha devastato il Bangladesh, causando alluvioni e smottamenti in diverse aree del Paese.
Le autorità hanno fatto sapere che è stata quasi raggiunta la soglia dei 3.500 morti accertati e il trend lascia supporre che le stime della Mezzaluna Rossa, l'equivalente islamico della Croce Rossa, che ipotizza fra le 5 e le 10 mila persone decedute, possano essere tristemente confermate a mano a mano che i soccorritori riescono a raggiungere le aree più rurali e isolate del Paese e a scoprire nuovi cadaveri.
SOCCORSI DIFFICILI - «Il numero dei morti ha raggiunto i 3.447 e questa cifra deve ancora aumentare», ha detto il maggiore Kamrul Islam dalla sala di controllo delle forze armate dove si tiene il conto delle vittime del ciclone, il peggiore che abbia colpito il Paese asiatico negli ultimi 20 anni.
Il precedente bilancio ufficiale era di 3.113 morti.
Ma «molti villaggi isolati, soprattutto nelle isole, non sono stati ancora ispezionati» dei soccorritori, ha detto Heather Blackwell, responsabile in Bangladesh dell'organizzazione umanitaria britannica Oxfam.
In queste zone, «potrebbero volerci settimane prima di avere un'idea precisa della portata delle devastazioni del ciclone», ha aggiunto.
AREE ISOLATE - In ogni caso, le unità di soccorso e tutte le componenti delle forze militari - esercito, aronautica e marina, hanno oggi intensificato gli sforzi per cercare di raggiungere i milioni di sopravvissuti al ciclone.
I militari, secondo quanto risulta alle autorità, hanno raggiunto fino ad ora il 70% delle aree interessate dal passaggio del ciclone, che si è abbattuto sul Paese giovedì scorso.
CIBO INSUFFICIENTE - Per cercare di aiutare le popolazioni ancora isolate, vengono paracadutati da aerei ed elicotteri pacchi con prodotti alimentari e generi di prima necessità.
Ma le forniture di cibo sono ancora insufficienti, ha detto un giornalista nel distretto di Bagerhat.
«Centinaia di mani si alzano per afferrare solo un pacco di cibo - ha raccontato un soccorritore nel distretto di Patuakhali -.
E' una tragica realtà sull'intera costa colpita dal ciclone».
VENTI A 250 KMH - Il ciclone Sidr, di categoria 4, che si è abbattuto sulla costa meridionale del Bangladesh giovedì, ha fatto registrare venti a 250 chilometri orari che hanno provocato ondate [...]

Leggi tutto l'articolo