Benatia o non Benatia?

Ormai è il tormentone dell'anno e siccome tutti hanno già parlato (e straparlato) del nostro miglior difensore centrale della passata stagione, non poteva certo mancare un post su questo blog.
Si dice sempre che la verità sul caso Benatia la conoscano bene soltanto il calciatore, la società e l'allenatore, tutto il resto sono chiacchiere da bar, ma credo che l'unica cosa chiara finora sia che il calciatore vuole più soldi, la società non può (o non vuole) darglieli e l'allenatore vorrebbe sapere se può contare ancora su un giocatore cardine della difesa.
Non a caso il pragmatico Rudi avrebbe voluto risolvere la questione entro e non oltre il 21 luglio per non andare incontro a questo vai o resta massacrante.
Ma tant'è, come nelle migliori tradizioni penso si dovrà attendere la fine del calciomercato, perchè i 25 milioni offerti oggi dal Bayern sono un po' lontani dai 35 richiesti dalla Società e non mi sembra che ci sia la fila fuori di gente pronta a sborsare tale cifra per il nostro centrale.
Detto questo, o la Roma fa un passo indietro e accetta di svincolare il giocatore ad un prezzo più basso (considerando anche che lo scorso anno lo ha pagato 13 milioni, per cui rivenderlo a 25 non è che sia proprio scandaloso!) oppure rinnova il contratto mettendo sul piatto quanto richiesto da Benatia...
oppure? Oppure niente...
tutto resta com'è ora.
Il giocatore ha un contratto fino al 2018, avrà qualche bonus in più per arrotondare il suo stipendietto da 1,2 milioni di euro annui e la Roma si terrà un centrale di tutto rispetto.
Problemi? All'apparenza nessuno.
Eppure...
E' facile comprendere che se Benatia non si senta valorizzato abbastanza potrebbe non ripetere lo stesso campionato dello scorso anno...
in fin dei conti durante l'ultima stagione ad Udine prima di sbarcare a Trigoria non è che avesse brillato tantissimo.
Tutti i tifosi auspicano che mantenga quel rendimento sia in campionato che in champions, ma giocare ogni 3 giorni non è come giocare una volta a settimana e se già parti con l'idea che la società prima promette e poi non mantiene forse tanta voglia di far bene non ce l'hai.
E' pur vero che il primo a guadagnarci da un alto rendimento sarebbe proprio il calciatore, perchè se continuasse a far bene le sue quotazioni potrebbero salire ancora e quindi sarebbe più facile cederlo alla cifra cercata.
Certo è che tutti avrebbero voluto evitare questa situazione di separati in casa, perchè nonostante si continui a ripetere che non c'è nessun caso Benatia, è fin troppo evidente che il malumore [...]

Leggi tutto l'articolo