Benedetta

  10.12.2009 Sono con te     Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo.(Matteo 28,20).
  Questo significa che sono vicino a te e a tutti i tuoi fratelli, nessuno escluso.
Tu non sei mai solo e non puoi nasconderti dal mio sguardo Misericordioso e Giusto.
Io so che questa verità può causarti qualche disagio, perché ancora non conosci l’ampiezza infinita del mio Amore.
Non avere paura di Me, anche se la tua coscienza ti rimprovera, perché Io sono nato, morto e risorto per liberarti da ogni male ed ho incessantemente cura di te e di tutti i tuoi fratelli, nessuno escluso.
  Io conosco tutti i tuoi pensieri, conosco tutte le parole che pronunci, conosco tutto quello che fai.
Io vivo insieme a te la tua vita e le tue relazioni, Io sono l’onnipresente.
  Quando parli ad un fratello dovresti dire parole di verità, parole che gli facciano bene all’anima.
Ricorda che Io sono presente e chiediti se, nella conversazione, hai dato testimonianza della grazia che abita in te.
Chiediti, qualche volta, se Io sono contento delle tue parole.
  Le parole che pronunci sono ascoltate dal fratello in misura a te sconosciuta, perché lui fa discernimento sul tuo dire, accogliendo quello di cui ha bisogno, che poi elabora per trarne vantaggio, secondo le peculiarità del suo essere e della sua situazione.
  Tu invece, che hai pronunciato quelle parole, sei anche il primo ascoltatore delle medesime, che operano in te in pienezza.
Se hai pronunciato parole cattive, le stesse si ritorceranno contro di te, senza che tu possa fuggirle perché, uscite dalle tue labbra, torneranno nel tuo cuore e agiranno contro di te.
Se invece hai pronunciato parole buone per edificare il tuo prossimo, le stesse parole, benedette, torneranno a te, incrementate dalla ricompensa del tuo Dio.
Ricorda che le tue parole e le tue opere sono la testimonianza della tua fede.
Stai attento a fare in modo che siano in accordo, cioè che le une non contraddicano le altre.
  Le tue parole rivelano il tuo cuore.
Per questo Io dissi: “di ogni parola vana che gli uomini diranno, dovranno rendere conto nel giorno del giudizio; infatti in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato” (Matteo 12,36)   Quando tu dici al tuo prossimo parole buone ed edificanti, lo arricchisci e nel medesimo tempo arricchisci anche te stesso, consolidando la verità che abita in te.
Se invece pronunci parole cattive, sei tu stesso che ti condanni, perché hai scelto la menzogna e ti sei allontanato da Me.
Stai attento e vigila [...]

Leggi tutto l'articolo