Bergamo, accusa di falso per il vicequestore: indagini chiuse

Cronaca
05 giugno 2019
Bergamo, accusa di falso per il vicequestore: indagini chiuse
Mariella Russo era aggiunto a Bergamo all'epoca dei fatti contestati dagli inquirenti: tutto ruota intorno a una firma contraffatta
di FRANCESCO DONADONI

Bergamo, 5 giugno 2019 - L'inchiesta era iniziata a metà di luglio del 2017. Tutto era partito da un esposto della polizia, su segnalazione della Prefettura, per un documento sospetto. La procura ha ora chiuso le indagini a carico di Mariella Russo, 53 anni, vice questore aggiunto a Bergamo, nel 2016 in servizio all’ufficio Pasi (polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione), promossa vice questore a gennaio 2018 e trasferita a marzo a Milano. Le viene contestato il falso.
Secondo gli accertamenti, coordinati dall’ex sostituto procuratore Maria Cristina Rota e dal pm Silvia Marchina, la dirigente (arrivata a Bergamo dopo essere stato comandante della Polstrada a Como e Lecco) nell’estate del 2017, in qualità di vice questore aggiunto...

Leggi tutto l'articolo